15/06/2016
La normativa del settore tecnico di prevenzione incendi per le strutture turistico-alberghiere è in continua e veloce evoluzione, ridefinendo in maniera molto precisa i tempi da rispettare e le regole da seguire per il loro adeguamento nell’iter di richiesta di autorizzazione dei Vigili del Fuoco, incluse le responsabilità attribuite nei casi di inadempienza. Di seguito una breve lista degli ultimi aggiornamenti normativi:
– DM 09/04/1994 – Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la costruzione e l’esercizio delle attività ricettive turistico-alberghiere
– DM 06/10/2003 – Aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico-alberghiere esistenti di cui al DM 09/04/1994
– DPR 151/2011 – Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi
– DM 16/03/2012 – Piano straordinario biennale concernente l’adeguamento alle disposizioni di prevenzione incendi delle strutture turistico-alberghiere
– DM 03/03/2014 – Modifica del DM 09/04/1994 di prevenzione incendi
– DM 14/07/2015 – Disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico – alberghiere con numero di posti letto superiore a 25 e fino a 50
Proprio recentemente, il 18/11/2015, sono entrate in vigore le nuove norme definite dal “Testo Unico” sulla prevenzione incendi, il che fornisce una ragione ulteriore per verificare lo stato delle pratiche ai Vigili del Fuoco, l’aderenza alle regole recentemente emanate, nonché il funzionamento e l’efficienza degli impianti antincendio. In questo senso noi ci impegniamo a garantire senza costi il sopralluogo e la verifica.
Da ultimo, ci preme attirare la Vostra attenzione sul fatto che per gli alberghi, nel caso fossero necessari interventi di adeguamento, è previsto (DM 07/05/2015) il credito d’imposta del 30%, fino a 200.000 €, per le spese sostenute nel biennio 2014-2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *