02/03/2014

Per i datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori non è più possibile effettuare l’autocertificazione della valutazione dei rischi, tale possibilità è scaduta il 01/06/2013. Per le piccole aziende diventa obbligatoria la valutazione dei rischi secondo le procedure standardizzate in materia di sicurezza sul lavoro. Lo sancisce la nota 2583/2013 del Ministero del Lavoro.
L’articolo 29 del DLgs 81/2008 obbliga il datore di lavoro ad effettuare ed elaborare il documento di valutazione dei rischi sul luogo di lavoro, in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente.
La valutazione dei rischi deve essere immediatamente rielaborata in occasione di modifiche del processo produttivo o della organizzazione del lavoro significative ai fini della
salute e sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione o della protezione o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. A seguito di tale rielaborazione, le misure di prevenzione debbono essere aggiornate.
I datori di lavoro che occupano fino a 50 lavoratori possono effettuare la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *