La DIA può sostituire le autorizzazioni, le licenze, i nulla osta e qualunque altro atto di assenso delle amministrazioni, qualora sussistano determinati requisiti previsti dalla legge.
Le attività che possono utilizzare questa procedura semplificata, non sono soggette ad alcun tipo di assenso da parte dell’amministrazione, in quanto la sussistenza dei requisiti richiesti dalla legge è autocertificata dall’interessato che se ne assume così ogni responsabilità. Gli interventi che possono essere eseguiti ricorrendo alla DIA sono:

  • opere di manutenzione straordinaria, restauro e   risanamento conservativo;
  • opere di eliminazione delle barriere architettoniche in edifici esistenti consistenti in rampe o ascensori esterni, ovvero in manufatti che alterino la sagoma dell’edificio;
  • recinzioni, muri di cinta e cancellate;
  • aree destinate ad attività sportive senza creazione di volumetrie;
  • opere interne di singole unità immobiliari che non comportino modifiche della sagoma e dei prospetti e non rechino pregiudizio alla statica dell’immobile e, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A non modifichino la destinazione d’uso (nella nostra legislazione il cambio d’uso anche senza lavori è soggetto ad autorizzazione);
  • revisione o installazione di impianti tecnologici al servizio di edifici o di attrezzature esistenti e realizzazione di volumi tecnici che si rendano indispensabili, sulla base di nuove disposizioni
  • varianti a concessioni edilizie già rilasciate che non incidano sui parametri urbanistici e sulle volumetrie, che non cambino la destinazione d’uso e la categoria edilizia e non alterino la sagoma e non violino le prescrizioni contenute nella concessione edilizia;
  • parcheggi di pertinenza nel sottosuolo del lotto su cui insiste il fabbricato.

0 Comments

  • Termini DIA

    Salve!
    Ho presentato una DIA il 09.09.2010 e sono trascorsi 30gg. Sono andato al Comune per ritirarmi la copia da predisporre in cantiere e il tecnico comunale mi ha risposto che il progetto è stato bocciato e che hanno inviato la raccomandata il 28.09.2010. Ne a me ne al mio cliente è stata notificata ad oggi 25.10.2010 tale raccomandata. Mi chiedo in tal caso se posso dar inizio ai lavori regolarmente e se, nel caso mi arrivasse la notifica, posso contestarla.
    Grazie, Fabio.

    • L'esperto

      Risposta a “Termini DIA”:
      E’ possibile iniziare i lavori, non avendo ricevuto nessuna notifica di integrazione della documentazione oppure una comunicazione di domanda respinta perchè incompatibile con le norme edilizio urbanistiche vigenti.

      Comunque, è consigliabile chiedere copia della notifica, verificare il suo contenuto, ed integrare la documentazione richiesta dall’uffcio, oppure contestare la bocciatura della domanda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *