Qui sotto è riportato l’articolo pubblicato sul mensile “La Piazza” nel numero di Marzo 2014 (Anno XI – Numero 3) su impianti elettrici a norma.

La nuova variante V3 richiede prescrizioni addizionali a quelle sulla sicurezza per garantire anche la funzionalità degli impianti elettrici di casa. Siete curiosi di sapere se il vostro impianto è stato realizzato a norma? Allora leggete qui sotto le novità introdotte, ma non vi preoccupate, poiché sono obbligatorie solo per gli impianti realizzati dal 2011!
Di cosa parla la variante V3?
La variante V3 della Norma CEI 64-8 introduce l’Allegato A, un documento normativo specifico per gli impianti elettrici negli ambienti residenziali. Il nuovo Allegato contiene prescrizioni sulla qualità dell’impianto elettrico, che impongono precisi requisiti e dotazioni funzionali minime.
Quando si applica?
Queste disposizioni si applicano alla realizzazione di nuovi impianti elettrici ed ai rifacimenti completi di quelli esistenti. Sono esclusi gli impianti negli edifici pregevoli per arte e storia (DLgs 42/2004).
Quali sono i livelli prestazionali?
Gli impianti elettrici nelle abitazioni si classificano in tre diversi livelli, in relazione alle prestazioni dell’impianto. Ciascun livello è contraddistinto da una dotazione funzionale minima che varia in base alla superficie dell’appartamento. Il primo livello è quello imposto per legge, che garantisce all’utilizzatore una determinata funzionalità di base. I livelli due e tre non sono obbligatori, ma hanno lo scopo di valorizzare gli impianti con caratteristiche più elevate del minimo necessario. Infatti il livello due prevede un numero maggiore di prese di corrente e di circuiti, il videocitofono ed il controllo dei carichi elettrici. Mentre il terzo livello indica un impianto innovativo di particolare pregio e richiede anche le funzioni domotiche.
Quale è la potenza minima?
Per abitazioni inferiori a 75 m2 si deve realizzare un impianto con una potenza impegnabile di 3 kW o superiore. Per unità abitative superiori a 75 m2 occorre prevedere che l’impianto sia dimensionato per almeno 6 kW, anche se l’utente ha un contratto di soli 3 kW.
Protezione del montante
Il montante è il cavo che collega il contatore al quadro elettrico, e deve avere una sezione non inferiore a 6 mmq. Occorre realizzare il cavo montante con doppio isolamento, tramite cavi unipolari posti in un unico tubo protettivo isolante, oppure cavi multipolari con guaina, altrimenti sarà necessario predisporre un interruttore differenziale selettivo.
Requisiti dell’impianto elettrico
Il numero minimo di linee elettriche (prese, luce, bagno, ..) deve essere di 2 per abitazioni con meno di 50 mq, fino ad arrivare a 5 se superiori a 125 mq, oltre agli eventuali circuiti destinati specificatamente all’alimentazione di scaldacqua, caldaie, condizionatori, estrattori, box, cantine e soffitte. Nel quadro elettrico devono essere montati almeno due interruttori differenziali. Al fine di permettere successivi ampliamenti, i quadri devono essere sovradimensionati con un numero minimo di due moduli vuoti. Ogni interruttore deve essere facilmente identificabile tramite etichetta. Il cavo proveniente dall’impianto di terra dell’edificio deve raggiungere direttamente il quadro.
Prescrizioni generali dell’appartamento
Vicino ad ogni presa telefono/dati deve essere prevista almeno una presa energia. Perlomeno una presa TV deve avere accanto la predisposizione per 6 prese energia. Il comando interno di punti luce esterni oppure non visibili deve essere associato ad una spia luminosa di segnalazione. Deve essere prevista l’alimentazione per la cappa aspirante. I punti presa inaccessibili o di alimentazione diretta devono essere controllati da un interruttore di comando bipolare.
Dotazioni funzionali degli ambienti
Si prescrive l’installazione di almeno una lampada fissa d’emergenza in caso di black-out. Per la camera da letto, il soggiorno e lo studio deve essere previsto il seguente numero minimo di prese ed illuminazioni: fino a 12 mq 4 punti presa energia, 1 punto luce, 1 presa TV, 1 presa telefono/dati; tra 12 e 20 mq servono 5 punti presa energia, il resto come sopra; se maggiore di 20 mq si richiedono 6 punti presa energia, l’altro come già detto prima. L’angolo cottura deve avere 2 prese energia di cui una sul piano cottura. Per la cucina abitabile sono previsti 5 punti presa energia (di cui 2 sul piano cottura), 1 punto luce, 1 presa TV, 1 presa telefono/dati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *